Bisogna esplorare l’inconscio per risolvere i propri problemi? – Brief! #6

bravo psicoterapeuta monterotondoDevi “esplorare l’inconscio” per risolvere un problema? Beh… in realtà, no.

L’esplorazione dell’inconscio, cioè l’indagine di tutta una serie di cose appartenenti al tuo mondo psichico e di cui non sei direttamente consapevole, venne eletto come procedimento psicoterapeutico principale all’inizio del ‘900, da Sigmund Freud.

Ma da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, e in realtà già i primi seguaci di Freud misero in discussione il fatto che potesse essere l’unico o il principale metodo per aiutare le persone a stare meglio.

Esplorare l’inconscio magari è molto affascinante, ma spesso non è il modo migliore per risolvere un problema, soprattutto se lo si vuole fare in tempi brevi. Esistono tecniche e metodi che oggi sono considerati più efficaci, cioè capaci di dare risultati migliori e in tempi più rapidi, e sono utilizzati in gran parte delle Terapie Brevi.

In questo video aiuto a comprendere meglio perché la maggior parte delle volte non è necessario esplorare l’inconscio per risolvere i problemi.

Continua a leggere

Le tecniche paradossali in Terapia Breve – Brief! #5

psicoterapeuta bravo romaCome è possibile ottenere un risultato in poco tempo? Uno dei modi usati nelle Terapie Brevi sono le “tecniche paradossali”.

Niente di strano o pericoloso, anzi: gli studi sistematici sono iniziati negli anni ’50, ma si tratta di tecniche utilizzate fin dai primi del ‘900 (Alfred Adler, pupillo di Freud – benché si distaccò dal maestro – fu forse il primo a utilizzarle in psicoterapia) e che a un secolo di distanza vantano un considerevole sostegno dalla ricerca scientifica.

Il principio è quello di mettere il sintomo sotto il controllo della persona. Si tratta di una tecnica incredibilmente efficace, usata in una grande varietà di problemi (ansia, depressione, anoressia, persino certe forme di presunte psicosi), che rende controllabile – e quindi eliminabile – l’incontrollabile.

E se da un lato ci sono le tecniche (terapeutiche) paradossali, dall’altro ci sono comportamenti paradossali che mettiamo in atto ogni giorno senza rendercene conto, e che possono invece causare dei problemi – persino arrivare a provocare dei disturbi.

In questo video cerco di fare una veloce panoramica sia di come i paradossi possano creare problemi, sia di come funzionano le positive tecniche psicoterapeutiche paradossali.

 

Continua a leggere

Saper aspettare: il valore della pazienza

psicologo bravo monterotondo

Quanto sei capace di vivere il presente senza angoscia per il futuro?

Quanto ti preoccupa il non vedere risultati e il non sapere qual è la tua strada, o se il tuo progetto sta andando per il verso giusto?

Stiamo vivendo tutti una forte distorsione.
In una società dove possiamo avere tutto e subito, ci siamo dimenticati che per alcune cose serve tempo.

Dobbiamo riscoprire la pazienza, il saper attendere, il capire che se vuoi arrivare in cima, devi prima scalare la montagna.

Proviamo a capire come.

Continua a leggere

3 articoli per imparare a concedersi delle pause

psicoterapia breve roma

Sei capace a prenderti delle pause?

Ti ricordi le vacanze estive? No? Perché non le hai fatte o perché sono già sfumate?

Quale che sia la ragione, è un bel problema. Per quanto sembri strano, assurdo, fuori dal comune, c’è una verità incredibile che devo svelarti: non sei una macchina.

Recentemente sono andato in Australia per degli approfondimenti sulle terapie brevi. Fantastico. Non gli approfondimenti (cioè sì, anche quelli!), ma lo stile di vita degli australiani: alle 17:30 una folla riempiva la Federation Square di Melbourne, lavoratori e lavoratrici che si concedevano la pausa dopo una giornata di intenso lavoro.

Non sei una macchina, dicevamo, e se anche qui non siamo in Australia, senza un uso intelligente delle pause rischi di farti male. Seriamente. Ecco allora 3 articoli che ho scritto per aiutarti a imparare a fare delle pause intelligenti.

Anche in Italia.

Continua a leggere

Ultima possibilità per fare una pausa?

psicoterapia roma

Hai ancora tempo per concederti delle pause? [immagine Freepik]

Ce l’hai fatta fare una pausa, quest’estate? A staccare un po’? No? Acc… potrebbe essere un bel problema.

Staccare non è solo un piacere: è un bisogno e, ne sono convinto, qualcosa che ti meriti. Se non riesci a staccare, stai sottraendo piacere e necessità al tuo corpo e alla tua mente, e gli effetti collaterali possono essere diversi:

  • stanchezza fisica
  • difficoltà di attenzione
  • difficoltà di memoria
  • irritabilità
  • umore depresso

Solo per citarne una manciata.
Ma siamo sicuri che non hai più possibilità di fare una pausa?

Continua a leggere