Libri di Terapia Breve: Il tocco, il rimedio, la parola

Ti interessa il libro? Clicca sull’immagine.

Titolo: Il tocco, il rimedio, la parola. La comunicazione tra medico e paziente come strumento terapeutico
Autore: Roberta Milanese & Simona Milanese
Editore: Ponte alle Grazie
Voto: stellastellastellastella

 

 

Questo libro è un’affascinante e accessibile introduzione al “potere” dell’effetto placebo (e non solo) e, più in generale, di come esso agisca tra professionista e paziente.

Roberta e Simona sono due sorelle, psicologa una e medico l’altra. La prima ha una lunga esperienza nella psicoterapia, nel problem solving e nel coaching. L’altra, un’altrettanto lunga esperienza nella medicina oncologica.

E cosa possono scrivere insieme?

Un libro sul potere del gesto e della parola nel curare – o far ammalare – le persone. Vediamolo meglio.

Continua a leggere

Causa e soluzione dei problemi psicologici: l’esperienza emozionale correttiva

Cosa causa un problema psicologico?

Le risposte sono tante, almeno quanto i punti di vista, e in questo blog ogni tanto aggiungiamo dei tasselli che facilitino la comprensione. Ciò che più ci interessa, però, è soprattutto come risolvere i problemi psicologici!

Nel video seguente, la Dott.ssa Roberta Milanese, psicologa e psicoterapeuta strategica breve, espone alcuni punti essenziali di questo approccio.
Uno è il concetto di esperienza emozionale correttiva: la persona con un problema psichico può risolverlo anche grazie a delle esperienze concrete, attraverso cui proverà delle emozioni correttive, cioè delle emozioni dagli effetti positivi che permettano di sbloccare il problema. Il concetto fu elaborato da Franz Alexander e ripreso successivamente da Paul Watzlawick e Giorgio Nardone. Naturalmente anche questa è una teoria, ma nella rielaborazione dei due autori si è mostrata molto efficace per raggiungere gli effetti terapeutici veloci ed efficaci.

Nella pagina “Letture” di questo blog, trovi un mio articolo del 2010 “Questa esperienza mi ha aperto gli occhi”. Una nota sull’esperienza emozionale correttiva, dove parlo di questo costrutto.
Ti rimando poi al breve video con l’intervento della Dott.ssa Milanese, specifico per i disturbi fobici.

Dott. Flavio Cannistrà
Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Terapia Breve Strategica
e Ipnositerapia

 

 

Potrebbero interessarti anche questi articoli:
Oltre la timidezza
Storie di (stra)ordinaria terapia
Come innescare il cambiamento

Libri di Terapia Breve – Cambiare il passato

Terapia breve strategica disturbo post traumatico da stress

Ti interessa questo libro? Clicca sull’immagine.

Titolo: Cambiare il passato. Superare le esperienze passate con la terapia strategica
Autore: Federica Cagnoni, Roberta Milanese
Editore: Ponte alle Grazie
Voto: stellastellastellastellamezza

È possibile cambiare il passato? Purtroppo no. O forse “per fortuna”.

Possiamo fare tante speculazioni sui “se” e sui “ma”, sugli “avrei potuto” e i “se solo”, ma l’unica realtà concreta è che il passato ha determinato ciò che siamo ora. Questa è una verità innegabile, ben diversa però dal sostenere che andando nel passato – come se fosse possibile – si possa risolvere un problema presente.

Ma cosa puoi fare, allora, quando il passato invade il presente con la forza di uno tsunami?
Quando ferite subite mesi, anni, decenni fa, continuano a sanguinare nei tuoi giorni?
Quando il dolore si è conficcato come una spina nel fianco e non smette di farti del male?

Continua a leggere

Subisci la realtà che costruisci: imparare dal costruttivismo radicale

Dott. Flavio Cannistrà, psicologo a Monterotondo e a Roma

Il modo in cui “vediamo” la realtà determina molti effetti di essa su di noi.

Possiamo conoscere la verità?
Questa frase apre i primi minuti di Oxford Murders, thriller del 2008 girato dallo spagnolo Álex de la Iglesia e basato sul romanzo La serie di Oxford del matematico e scrittore argentino Guillermo Martínez.

Possiamo conoscere la verità?
È una domanda interessante e i filosofi dell’ultimo secolo ci hanno riflettuto parecchio. Quelli prima di loro, invece, si ponevano soprattutto un’altra domanda: “Qual è la verità?”, dando spesso per scontato che questa potesse essere conosciuta.

Continua a leggere