Bisogna esplorare l’inconscio per risolvere i propri problemi? – Brief! #6

bravo psicoterapeuta monterotondoDevi “esplorare l’inconscio” per risolvere un problema? Beh… in realtà, no.

L’esplorazione dell’inconscio, cioè l’indagine di tutta una serie di cose appartenenti al tuo mondo psichico e di cui non sei direttamente consapevole, venne eletto come procedimento psicoterapeutico principale all’inizio del ‘900, da Sigmund Freud.

Ma da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, e in realtà già i primi seguaci di Freud misero in discussione il fatto che potesse essere l’unico o il principale metodo per aiutare le persone a stare meglio.

Esplorare l’inconscio magari è molto affascinante, ma spesso non è il modo migliore per risolvere un problema, soprattutto se lo si vuole fare in tempi brevi. Esistono tecniche e metodi che oggi sono considerati più efficaci, cioè capaci di dare risultati migliori e in tempi più rapidi, e sono utilizzati in gran parte delle Terapie Brevi.

In questo video aiuto a comprendere meglio perché la maggior parte delle volte non è necessario esplorare l’inconscio per risolvere i problemi.

Continua a leggere

Bisogna esplorare il passato per risolvere un problema? – Brief! #2

È vero che per risolvere un problema psicologico bisogna andare nel passato, scavare nell’inconscio, trovare conflitti irrisolti?

Spesso si pensa che “andare dallo psicologo” equivalga più o meno a questo: mi sdraio sul lettino e comincio a parlare del mio passato, da quando andavo all’asilo a oggi, mentre lo psicologo dietro di me appunta su un taccuino tutti i simboli di quello che dico, riconducendo ogni mio racconto a un presunto rapporto morboso con mia madre.

Solo quando avrò raccontato in ogni minimo dettaglio il mio passato emergerà, anni dopo, un pensiero, un’emozione, un “qualcosa” che scioglierà un profondo nodo conflittuale di cui non ero a conoscenza ma che, in effetti, era del tutto riconducibile a mia madre.

Beh, come fantasia non è male ma… in realtà è un po’ più semplice di così.

Continua a leggere

Libri di Terapia Breve – La mia voce ti accompagnerà

Vuoi acquistare acquistare il libro? Clicca sulla copertina!

Vuoi acquistare acquistare il libro? Clicca sulla copertina.

Titolo: La mia voce ti accompagnerà
Autore: Milton H. Erickson
Editore: Astrolabio
Voto: stellastellastellastella

 

Molti sono stati affascinati dai metodi terapeutici anticonvenzionali, innovativi e a volte decisamente spettacolari introdotti da Milton H. Erickson, uno dei più influenti psicoterapeuti che la storia abbia mai avuto.

Se vi può incuriosire un po’ questo signore particolare (amusico, aritmico, claudicante, e capace di distinguere un solo colore: il viola), che riusciva ad aiutare un agorafobico semplicemente chiedendogli il piacere di imbucare una lettera, o di redimere un alcolista solamente indicandogli di andare a osservare i cactus (esseri viventi capaci di vivere lunghi periodi senz’acqua), allora questo libro è il libro da cui partire per conoscerlo e leggere le sue incredibili storie.
Continua a leggere

Recensione: la scoperta dell’inconscio

La scoperta dell'inconscio - Henri F. Ellenberger

Ti interessa questo libro? Clicca sull’immagine

Titolo: La scoperta dell’inconscio. Storia della psichiatria dinamica
Autore: Henri F. Ellenberger
Editore: Bollati Boringhieri
Anno: 1970
Voto: stellastellastellastella
Difficoltà: bollinogiallo

 

«Inconscio?! E da quand’è che Flavio parla di inconscio?!»
Quello dell’inconscio è un tema molto spinoso e sapete che me ne occupo poco e con molta diffidenza: sono molto più pragmatico, come studioso e come terapeuta.
Ma l’inconscio, lo sappiamo, ci affascina e sotto questa etichetta rientrano una serie di eventi, fenomeni e storie che meritano di essere perlomeno sfiorate.

La scoperta dell’inconscio è probabilmente uno dei più rigorosi che abbia mai letto in materia. Non è facile, non è completo e non è attuale.
«Beh, un bel consiglio, allora!».
In realtà sì, perché affonda le mani nella storia dell’inconscio.

Continua a leggere