Evitare di evitare

Evitare di evitare è una formula vincente contro la paura

La paura è una delle sensazioni fondamentali dell’uomo, senza di essa i nostri lontani parenti sarebbero stati divorati dalle belve – e noi non saremmo qui a dire che la paura è una sensazione fondamentale. Di fronte a stimoli che riteniamo pericolosi, spaventosi, temibili il nostro corpo si attiva immediatamente: prima ancora di capire perché hai paura, la provi. Frequenza respiratoria aumentata, battito cardiaco accelerato, pupille dilatate… sono alcune delle reazioni che il nostro Sistema Nervoso Simpatico attua nell’insieme delle “risposte di attacco-fuga”, che ci preparano all’evento minaccioso.

Ma minaccioso per chi? E in che modo?

Continua a leggere

Le forme dell’ansia

Edvard Munch, L’urlo (1893)

Le problematiche connesse all’ansia sono tra le più invalidanti e diffuse. L’European Study on the Epidemiology of Mental Disorders, uno studio europeo che ha valutato la diffusione dei disturbi mentali in alcuni paesi dell’UE, ha riportato che nel nostro Paese oltre una persona su dieci dichiara di aver sofferto di un disturbo d’ansia nel corso della propria vita; secondo il Policlinico Gemelli di Roma, tale prevalenza sarebbe addirittura di una persona su cinque.

Al di là della precisione dei numeri, è chiara l’alta pervasività di queste problematiche in una società che possiede ritmi e umori capaci di innescarli nelle loro varie forme (timore di non farcela, paura di esporsi e di affrontare la vita, ricerca illusoria di un maggior controllo, ecc.).

Ecco che l’ansia, meccanismo fisiologico capace di attivarci funzionalmente, rompe gli argini e dilaga con tanti diversi fiumi, di cui oggi andremo a conoscere nomi e caratteristiche per comprenderne meglio le caratteristiche.

Continua a leggere

Quando il panico domina la vita: liberarsi dagli attacchi di panico

Psicologo Monterotondo

“Don’t Panic”

Forse hai già sentito una storia come questa:

Capita in una giornata come tante. Sono sull’autobus, o fuori in mezzo alla gente, o davanti alla TV, o a tavola con la mia famiglia, o magari disteso sul letto a guardare il soffitto. Sento come una scossa elettrica che risale la spina dorsale, oppure è il cuore che comincia a galoppare furiosamente. Sudo, inizio a tremare, sento di stare per soffocare, di sbandare, a volte comincio a perdere il contatto con le cose che mi circondano. E lì sale un terrore crescente, la paura di impazzire o di perdere il controllo, oppure la paura di morire, di non farcela“.

Questa è una delle tante testimonianze di chi soffre di un problema definito Disturbo di Panico (DP), caratterizzato da ricorrenti attacchi di panico.

Ma come funzionano gli attacchi di panico?

Continua a leggere