F.A.Q.

Ecco le domande più frequenti che mi vengono rivolte: se hai qualche domanda sulla mia attività, questa è la pagina giusta. Per altre informazioni chiama il 340 9548835 o scrivimi un’email a fcannistra@flaviocannistra.it.

  1. Che tipo di terapia fai?
  2. Quanto dura la terapia?
  3. È vero che la terapia può durare anche solo 1 seduta?
  4. Cosa significa “psicoterapia al bisogno”?
  5. Che cadenza hanno gli incontri?
  6. Per quali problemi posso chiamare?
  7. Qual è il tasso di successo?
  8. Dove ricevi?
  9. Come posso prendere un appuntamento?

1) Che tipo di terapia fai?

Terapia Breve. Significa fissare degli obiettivi chiari (raggiungere un certo stato di benessere, eliminare un sintomo, risolvere un dubbio ecc.) e aiutare la persona a raggiungerli in tempi brevi.

Sono andato in tutto il mondo per studiare le Terapie Brevi.
Ad Arezzo e in Spagna mi sono specializzato in Terapia Breve Strategica, il più efficace approccio di terapia breve.
A Roma l’ho integrato con un Master in Ipnosi Ericksoniana, che aiuta la persona a ritrovare le proprie risorse.
E infine negli Stati Uniti e in Australia mi sono perfezionato in Terapia a Seduta Singola, per massimizzare l’effetto di ogni singola (e a volte unica) seduta.

A te, giustamente, queste etichette diranno poco e niente. Ti basti sapere che sono approcci efficaci, efficienti e studiati e riconosciuti in tutto il mondo.  Se poi vuoi conoscerli più approfonditamente ho creato una pagina apposta: clicca qui.

[Torna su]

2) Quanto dura la terapia?

In generale, io mi do massimo 10 incontri per risolvere un problema. Raramente c’è bisogno di andare oltre: studi e ricerche in terapia breve mostrano che in questo tempo si risolvono la maggior parte dei problemi e che i risultati più importanti si ottengono nelle prime sedute.

Ovviamente ci sono situazioni in cui possono servire più sedute: faremo sempre in modo di darci il tempo necessario, seppur molto raramente c’è stato bisogno di più di 20 sedute.
E naturalmente altre situazioni si risolvono molto velocemente, anche in un’unica seduta, in cui la persona trova ciò di cui aveva bisogno (vedi prossima domanda).
In sintesi, il mio è un approccio del tutto flessibile, basato sugli aggiornamenti degli studi scientifici.

Nel 2016 la media della durata delle terapie di chi si è rivolto a me è stata di 5 sedute: la più lunga è durata 16 incontri e le più brevi, naturalmente, 1 seduta.

[Torna su]

3) È vero che la terapia può durare anche solo 1 seduta?

Assolutamente sì. Si parla di Terapia a Seduta Singola (Single Session Therapy), un approccio studiato rigorosamente in tutto il mondo da oltre trent’anni. Sono andato a formarmi negli Stati Uniti e in Australia dai suoi principali esponenti e ora, oltre ad applicarlo nella mia pratica, lo insegno ai miei colleghi in Italia.

Alcune persone sentono che dopo un incontro hanno ottenuto ciò di cui avevano bisogno; altre, invece, preferiscono fare altre sedute. Entrambi i casi vanno bene, semplicemente perché ogni persona e ogni problema sono diversi: dipende da ciò di cui c’è bisogno e naturalmente io la aiuto nel capirlo.

E sia chi fa più incontri, sia chi decide che un incontro è stato sufficiente, sa che la mia porta rimane sempre aperta per incontri futuri: potrà sempre chiamarmi in caso di necessità. Inoltre, molte persone sentono la necessità di rivolgersi a uno psicologo solo nel momento del bisogno, e non per percorsi di più sedute (vedi prossima domanda).

[Torna su]

4) Cosa significa “psicoterapia al bisogno”?

Non tutti hanno bisogno di un “percorso” di terapia: c’è chi vuole semplicemente un appuntamento “al bisogno”, per un problema del momento. Tutti gli studi più importanti in psicoterapia, e in particolare in terapia breve, sono d’accordo nell’affermare che la psicoterapia può essere “intermittente”: la persona deve poter avere la possibilità di chiamare il terapeuta quando ne ha bisogno, per il numero di incontri necessari per quello specifico problema. Non uno di più.

Sposo completamente questa posizione. Do a chiunque la possibilità di fissare un appuntamento con me nel momento del bisogno, senza l’obbligo di impegnarsi in più incontri. Alcune persone hanno problemi che necessitano più sedute, ma altre mi chiamano per un appuntamento tutte le volte che ne sentono il bisogno: magari una volta ogni 3 mesi, o una volta all’anno, o semplicemente quando c’è qualcosa che non va e vogliono essere aiutate a risolverla.

[Torna su]

5) Che cadenza hanno gli incontri?

In caso di un percorso con più sedute, generalmente facciamo un incontro ogni due settimane finché il problema non si è “sbloccato” (mediamente servono da 1 a 3 sedute). A quel punto può servire di consolidare i risultati, quindi decidiamo congiuntamente se aumentare la cadenza: una volta ogni tre settimane, poi una volta al mese e così via. Così la persona diventa gradualmente più autonoma e capace di integrare perfettamente i risultati nella sua vita.

Naturalmente, c’è la massima flessibilità a seconda delle esigenze personali.
Ci sono persone che sentono che una seduta gli è stata sufficiente e a distanza di anni continuano a dirmi che quell’unico incontro li ha aiutati a risolvere il problema. Altre persone, invece, preferiscono fare un percorso di più sedute. Altre ancora, come detto, mi chiamano quando hanno bisogno, senza una cadenza fissa.


Qualunque di queste possibilità va bene e io sono sempre disponibile ad aiutare la persona a capire insieme quale scelta è migliore per loro. La mia porta è sempre aperta, e se qualcuno dopo una seduta singola si accorge che ha ancora bisogno di qualche incontro, può chiamarmi tranquillamente e completare il percorso.

[Torna su]

6) Per quali problemi posso chiamare?

Molti! Le terapie brevi sono adatte a qualunque problematica.

Può essere un problema personale, di coppia, familiare.
Può essere un disturbo importante (depressioni, attacchi di panico, ipocondria, disturbi alimentari, disturbi di personalità…), un problema invalidante (fobie, paura di prendere l’aereo o di guidare, conflitti di coppia…) o una difficoltà che non ritieni “grave” ma che senti che in qualche modo ti limita (insicurezza, bassa autostima, difficoltà con lo studio, difficoltà sul lavoro…).

E può riguardare diversi ambiti: il piano personale, quello relazionale, quello lavorativo, le performance sportive o artistiche e così via.

Poi, se hai letto la pagina Cosa Faccio, saprai anche che mi sono specializzato anche in ipnosi nel controllo del dolore, per aiutare tutte quelle persone che hanno dolori fisici (da mal di schiena ed emicranie, a nevralgie e fibromialgie, fino a dolori oncologici e di recupero post-operatorio e traumatico) e vogliono imparare a controllarle e diminuirne l’intensità.

Naturalmente non sono un tuttologo: ho scelto di specializzarmi su una vasta area di problematiche, ma ho dovuto per forza escluderne alte. Per questo non mi occupo di tossicodipendenze, sindromi autistiche, disturbi dell’infanzia e dell’adolescenza (sotto i 17 anni). Però conosco ottimi colleghi che lavorano in questo campo, quindi se vuoi chiamarmi ti darò volentieri i loro contatti.

[Torna su]

7) Qual è il tasso di successo?

Le terapie brevi hanno un alto tasso di successo con tutte le problematiche, e questo è particolarmente vero per la Terapia Breve Strategica unita all’Ipnosi Ericksoniana e alla Terapia a Seduta Singola.

Per esempio, si va da oltre il 90% con i disturbi d’ansia e con i disturbi sessuali, ad oltre l’80% con i disturbi depressivi, dell’alimentazione e ossessivo-compulsivi, fino a più dell’80% anche con i problemi di coppia e, in genere, relazionali. E sempre in massimo 10 sedute

Se vuoi un’idea più precisa clicca qui.

[Torna su]

8) Dove ricevi?

Nei miei studi a Roma (Piazza Bologna, 2 – fermata Metro B “Bologna”), a Monterotondo (Piazza Comitato Liberazione Nazionale, 5 – dietro la biblioteca del centro storico), e online (con la webcam tramite Skype e Messenger – per sapere come clicca qui).

[Torna su]

8) Come posso prendere un appuntamento?

Chiamami al 340 95 488 35 (rispondo sempre, ma se dovessi attaccare non offenderti: probabilmente sono in seduta con un’altra persona e sarà mia cura richiamarti quanto prima), oppure mandami una mail a fcannistra@flaviocannistra.it, o infine compila il modulo qui sotto:

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...