Qual è il tuo obiettivo?

Psicologo a Roma

Fallire i propri obiettivi dipende spesso dalla mancanza di chiarezza.

Riesci mai a raggiungere i tuoi obiettivi?
Probabilmente sì, d’altronde “mai” è un termine eccessivo.

Quando ci riesci, sai come hai fatto?
«Forza, determinazione, pazienza, motivazione…»
Sì, questi sono degli elementi importanti, ma ce n’è uno che li comanda tutti.
«Quale?»

Stabilire un obiettivo concreto.

Se vuoi raggiungere un obiettivo, devi sapere qual è l’obiettivo da raggiungere.
«Grazie…»

Vedi, una volta vidi una donna intorno ai trentanni che finiva di continuo in storie assurde. Quando le chiesi in che modo potevo esserle utile mi disse: “Voglio solo essere felice”.
“Non ci siamo” risposi. Lei mi guardò stupefatta, senza capire, e io le chiesi: “Hai un fratello o una sorella?”
Disse di sì: una sorella.
“Se domani tua sorella ti dicesse che è incinta, saresti felice?”
“Certo” affermò.
“Ecco fatto, hai raggiunto il tuo obiettivo: sei felice”.
“Ma io voglio essere felice sempre” replicò stizzita.
“Davvero? Conosci qualcuno che è sempre felice?” osservai.
“Un sacco di gente”.
“Ah sì? Quindi conosci un sacco di gente che è felice quando va a pagare le tasse? Che è felice nonostante gli siano entrati i ladri in casa? Che è felice subito dopo aver perso un proprio caro?”
“Ok” rispose: cominciava a capire. “Non pretendo di essere felice sempre, ma la maggior parte delle volte. Cioè, più che altro voglio vivere delle relazioni felici, non ritrovarmi sempre con uno stronzo. Voglio stare con una persona per bene e non con i soliti idioti: questo è il mio obiettivo”.
“Bene, il tuo obiettivo è quello di imparare a smettere di trovarti in delle storie che ti fanno stare male: questo è qualcosa da cui possiamo partire”.

Il mio non fu un gioco, ma il primo passo di un percorso, quello più significativo e importante: portare la persona a chiarire qual è il proprio obiettivo utilizzando il dialogo strategico.

Dopotutto già Seneca disse:

Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa a quale porto vuol approdare

Psicoterapeuta Roma

Capire precisamente dove vogliamo andare è indispensabile per raggiungere l’obiettivo.

Se prendi semplicemente il largo dicendoti “Voglio raggiungere la terraferma”, navigherai in eterno. Quale terra vuoi raggiungere? Cosa c’è lì? Cosa ti farà capire che è la terra giusta in cui fermarsi?

Il viaggio potrebbe anche cambiare e rivelarsi inaspettatamente sorprendente, ma anche Cristoforo Colombo aveva un obiettivo chiaro: trovare una via più veloce per raggiungere le Indie.

Sei arrivato nel 2015, ci sono molte cose che vorresti fare e alcune ti sembrano irrealizzabili proprio perché non sono chiare nemmeno a te. Bene, parti da una di queste, magari la più semplice, e comincia così: datti un obiettivo chiaro, specifico, definito in termini concreti, tale che tu possa capire con certezza quando l’hai raggiunto. Questo è un principio fondamentale per qualunque stratega e per qualunque strategia, tanto che nell’illuminante L’arte della guerra prende una posizione di rilievo.

«Mi puoi fare qualche esempio?»
Se il tuo obiettivo è perdere peso, definisci quanti chili vuoi perdere e in quanto tempo.
Se vuoi migliorare il tuo aspetto, decidi da cosa partire (vuoi curare meglio i tuoi occhi? La bocca? O lavorare sugli addominali? Sulle gambe?) e scegli un primo percorso concreto da fare (dedicarsi dieci minuti in più per truccarsi, fare ogni giorno cinque minuti di flessioni, andare a correre tre volte la settimana, ecc.)
Se vuoi cambiare lavoro, comincia col capire quale lavoro.

Questo è il principio chiave del problem solving strategico. Ci sono molti modi per raggiungere qualunque obiettivo, ma partire sapendo concretamente qual è, è il primo passo decisivo da fare.

Dott. Flavio Cannistrà
Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Terapia Breve Strategica
e Ipnositerapia

Per approfondimenti:
Nardone, G. (2009). Problem solving strategico da tasca. Milano: Ponte alle Grazie.
Nardone, G., Salvini, A. (2004). Il dialogo strategico. Comunicare persuadendo: tecniche evolute per il cambiamento. Milano: Ponte alle Grazie.

2 thoughts on “Qual è il tuo obiettivo?

  1. Forse hai ragione trovare l’obiettivo ma. Caro Flavio, certo che tu fai esempi al limite del paradosso per questo probabilmente la signora é stata male pensando che forse nessuno é felice…. se non sappiamo cosa é la felicità? Lei scrive di fissare obiettivi ma a volte pur fissando obiettivi sbagliamo comunque o meglio facciamo di tutto per non arrivarci chiedendoci come mai era ad un passo….. la discussione di una tesi mai data, sbagliare un concorso, quasi di proposito… insomma a parole si voleva raggiungere quell’obiettivo ma nei fatti ho fatto di tutto x distruggere mi dici cosa succede? Certo che so di essere un passivo aggressivo e quindi il procrastinare il sabotare ecc. Fanno parte di me….. ma quando troverò qualcuno atto ad aiutarmi?

    • Ciao Stefano, permettimi di dire che hai perfettamente ragione.

      Io non condivido gli approcci di chi promette soluzioni facili e ricette universali (spesso identificati nella pnl, ma non solo).

      Quella dell’obiettivo è una regola sempre valida: senza un porto, non c’è attracco.
      Ma l’obiettivo non è l’unico ostacolo da risolvere: sarebbe come pensare che l’unico ostacolo per chi deve scalare una catena montuosa sia quello di capire quale vetta raggiungere.

      Qual è la sua motivazione?
      E le sue esperienze?
      Di quali risorse dispone?
      E com’è il territorio che si appresta ad attraversare?

      Queste e tante altre domande devono trovare risposta.
      In realtà, a dirla tutta, non è sempre necessario rispondere a tutte: potresti avere delle sicurezze che non necessitano di messe in discussione, revisioni, ripassi o ragionamenti.
      Altre, però, sono fondamentali da considerare.
      Alcune in particolare potrebbero sorgere proprio durante il viaggio, come quando, a metà strada, ti rendi conto che il terreno è più duro di quel che pensavi e devi allora rivedere la tua strategia di marcia; o alcune possono sorgere proprio prima dell’inizio, o in base a esperienze precedenti.

      Insomma, l’obiettivo non è l’unica cosa da considerare e ognuno deve trovare i modi per capire, affrontare e superare i propri limiti – e per questo ti ringrazio per il tuo commento, che ancora una volta mi permette di sottolineare questo punto.
      Resta naturalmente il fatto che, senza meta, non c’è arrivo. E di questo parla il mio articolo.

      Grazie ancora,
      Dr Flavio Cannistrà

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...