Storie borderline

psicologo monterotondo

“Borderline” vuol dire “al confine, a metà strada”: il termine venne usato proprio per la difficoltà a inserirlo con precisione in una delle due grandi aree diagnostiche dell’epoca (nevrosi e psicosi)

Quando sono sola mi sembra di impazzire, di vivere un vuoto senza fine, e allora (me ne rendo conto) mi attacco morbosamente agli altri, per paura di perderli, di perdermi… Eppure, un attimo dopo, quando credo di aver raggiunto quella sicurezza, tutti mi sembrano inutili, addirittura fastidiosi: mi disgustano, li odio a volte! … Non lo so, non sempre mi riconosco.“.

“Borderline” è un concetto affascinante e spaventoso. Ne parlano più o meno approfonditamente tanti film, come Betty Blue, Attrazione fatale e Ragazze interrotte, dando dei quadri spesso diversi. Gunderson ne parla nella sua Guida per professionisti e familiari.

La verità è che anche gli psicologi devono fare un grande sforzo per descrivere un quadro che, a partire dalla sua definizione, è a metà strada, sospeso, indefinito.

A volte mi trovo seduto, in bagno, con dei graffi che neanche ricordo di essermi fatto. A volte me li faccio perché ho bisogno di sentire qualcosa, di sentire che sono vivo, presente. A volte invece non voglio sentire il dolore, il nulla soffocante che mi trascina verso un abisso di cui è impossibile toccare o anche solo pensare il fondo. A volte, poi, non vorrei sentire più e basta: pace, per sempre“.

Il DSM-IV-TR (la quarta edizione rivista del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, punto di riferimento per molti professionisti della salute mentale, benché ampiamente criticato per i suoi limiti) usa questi criteri per porre una diagnosi di Disturbo Borderline di Personalità; ne sono necessari almeno cinque insieme:

– sforzi disperati di evitare un reale o immaginario abbandono
– un quadro di relazioni interpersonali instabili e intense, caratterizzate dall’alternanza tra gli estremi di iperidealizzazione e svalutazione
– alterazione dell’identità: immagine di sé e percezione di sé marcatamente e persistentemente instabili
impulsività in almeno due aree che sono potenzialmente dannose per il soggetto (quali spendere oltre misura, sessualità promiscua, abuso di sostanze, guida spericolata, abbuffate ecc.)
– minacce ricorrenti, gesti, comportamenti suicidari o comportamento automutilante
instabilità affettiva dovuta a una marcata reattività dell’umore (ad esempio: episodica intensa disforia o irritabilità e ansia, che di solito durano poche ore e solo raramente più di pochi giorni)
– sentimenti cronici di vuoto
rabbia immotivata e intensa o difficoltà a controllarla (ad esempio: frequenti accessi di ira o rabbia costante, ricorrenti scontri fisici etc.)
ideazione paranoide o gravi sintomi dissociativi transitori, legati allo stress

È come essere ciechi. Ti giuro, non so perché lo faccio: scatto e colpisco e faccio male e lo so. Vorrei calmarmi, ma è più forte di me, di qualunque cosa. Gli altri… credo che siano prosciugati da me: vorrei aiutarli, stare bene, fargli del bene, e invece finisco per ferirli. Forse un po’ se lo meritano, e allora finisco per odiarmi. Spesso bevo, per quanto mi odio: bere mi dà sollievo“.

È un po’ limitante definirlo in base a queste caratteristiche, ma danno l’idea di un quadro complesso, tanto quanto la prognosi: spesso, infatti, il disturbo borderline si accompagna ad altri quadri diagnostici (alcolismo, gioco d’azzardo, dipendenza relazionale…). Ma lavorare su questo disturbo è possibile.

Spesso, ciò di cui c’è bisogno è un paziente lavoro tessile, che punto per punto vada a ricucire gli strappi che impediscono alla persona di tenersi assieme, di avere una stabilità nella propria vita (e di portarla nella vita di chi ha attorno).

Non ci riesco, capisce? È più forte di me: mi dico di amarlo, ma mi ritrovo ogni sera in un letto diverso, dove non c’è lui, dove spesso non so nemmeno chi ci sia (mi alzo, cerco i vestiti e me ne vado). Poi torno a casa e gli dico che lo amo e facciamo l’amore, ma la volta dopo si ricomincia. Basta poco: uno sguardo, una sensazione… Ma è così con tutto e con tutti. Io non credo di riuscire a legarmi veramente, perché sarebbe come cercare di essere una sola, mentre io mi sento “tante”, capisce che intendo? Non nel senso di avere più personalità, ma nel senso di avere più… bisogni, e di avere necessità di soddisfarli“.

Si parla di “disturbo di personalità” proprio per la sua pervasività nell’intera vita della persona, negli aspetti diversi ed essenziali, così come nelle sfaccettature. Certo che, così come il disturbo, la guarigione stessa sarà un processo pervasivo, che andrà a ristabilire un equilibrio migliore lì dove prima c’era solo una costante incertezza cognitiva, emotiva e relazionale.

Dott. Flavio Cannistrà
Psicologo, Psicoterapeuta
Specialista in Terapia Breve Strategica
e Ipnositerapia

 

Per approfondimenti:
Gunderson, J.G., Hoffman, P.D. (2010). Disturbo di personalità borderline. Una guida per professionisti e familiari. Milano: Springer.

 

Possono interessarti anche questi articoli:
Il disturbo borderline di personalità
Perché le etichette possono essere delle condanne
Sei compassionevole o dipendente? 6 domande per capirlo

2 thoughts on “Storie borderline

  1. Difficile da definire e identificare, leggendo mi sembra di conoscere più persone nella fase “borderline” eccetto i punti estremi, per il resto nei momenti bui siamo un pò tutti dei “sani nevrotici”. La difficoltà e la complessità nell’identificare i segnali di questo disturbo, come di altri, hanno rappresentato per me un limite, che mi ha bloccato nel percorso di counselling. Ad oggi, come dici di andare in terapia si sentono tutti un pò psicologhi e vogliono tutti consigliarti e aiutarti, ma perché non sanno cosa c’è dietro, non sanno quanto è difficile e complesso acquisire degli strumenti che ti rendano in grado di fare una “diagnosi” , non sanno poi, quanto è facile sbagliare. Per questo dopo tanto interesse e passione per la “professione di aiuto” mi limito e non mi sento in grado di valutare l’altro, con i soli strumenti del counselling.
    In compenso sono stata in grado di trovare finalmente un ottimo terapeuta !

    • Grazie Fiorella. La diagnosi psicologica è un processo complesso, come per il medico lo è quella fisica: se ho un mal di testa a cosa sarà dovuto? Cervicale, influenza, stress…?
      Articoli come questi servono per divulgare le conoscenze, ma è corretto voler evitare di usarli per fare “diagnosi”: sarebbe come comprare una lente d’ingrandimento per vedere meglio e pensare di poterci diagnosticare le malattie del sangue.

Scrivi un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...